Supercoppa Italiana 2017: aperta la vendita online dei biglietti

Una sfida emozionante ed infinita. Il passato, il presente e il futuro di questa era del calcio a 5 italiano. Luparense e Pescara, ancora una volta una di fronte all’altra. Gli attuali campioni d’Italia in carica, il club tricolore più titolato contro la squadra che ha sollevato la Coppa Italia nell’ultima stagione e che da due anni detiene la Supercoppa Italiana. Sfida nella sfida, partita su partita, entrambe le formazioni rappresentano l’Italia in Europa. Ma mercoledì 20 dicembre, alle 20.30 alla Kioene Arena di Padova, tutto questo sarà alle spalle: Luparense e Pescara, ancora una volta, vale un trofeo. Il calcio a 5 italiano si ferma per assistere alla Supercoppa Italiana 2017.

BIGLIETTI ONLINE

Da mercoledì 6 dicembre sul circuito MidaTicket è aperto il canale di acquisto biglietti online.
Questi i prezzi con le specifiche condizioni:

Costo del biglietto intero “Tribuna” (posto numerato) giornata di gara: 12,00 Euro

Costo del biglietto ridotto* “Tribuna” (posto numerato) giornata di gara: 7,00 Euro

Costo del biglietto intero “Gradinata” giornata di gara: 10,00 Euro

Costo del biglietto ridotto* “Gradinata” giornata di gara: 5,00 Euro

Costo del biglietto super-ridotto* “Tribuna” (posto numerato) giornata di gara: 1,00 Euro

Costo del biglietto super-ridotto* “Gradinata” giornata di gara: 0,50 Euro

 

*biglietto ridotto: dai 14 ai 18 anni e over 65

**biglietto super-ridotto: fino ai 14 anni di età

(per ulteriori info scrivere a ufficiostampa@luparensefc.com)

STORIA DEL TORNEO

Nella Supercoppa italiana si affrontano, in una gara unica che si gioca sul campo dei campioni d’Italia, i vincitori del campionato di Serie A e i vincitori della Coppa Italia. La prima edizione venne disputata nel 1992 con il successo della BNL Roma nel derby con il Torrino. A fasi alterne, negli anni ‘90 la Supercoppa non viene disputata: in mezzo ricordiamo il successo, il primo, del Torino nel 1997 che si ripeterà nuovamente due anni dopo (l’edizione del 1998 non si giocò)

Dal 2002, la Supercoppa prende un nuovo slancio acquistando fascino e prestigiosità. L’edizione del 2007 invece vide per la prima volta il successo della Luparense in una storica gara terminata ai supplementari contro il Montesilvano con il risultato di 5-3. La Luparense ha vinto anche le due successive edizioni contro l’Augusta (2008) e l’Arzignano (2009). Negli ultimi due anni, invece, è salito alla ribalta il Pescara con due trionfi nel 2015 e 2016 contro Asti e Real Rieti.

I PRECEDENTI DI LUPARENSE E PESCARA IN SUPERCOPPA

La Luparense vanta il record di partecipazioni e di vittorie in questo torneo. Nessuno, infatti, come la squadra di San Martino di Lupari ha partecipato a 7 edizioni, vincendone 5. La prossima sarà dunque l’ottava. La prima partecipazione, nel 2006, vide la sconfitta per 5-3 contro l’Arzignano, ma fu il preludio a un triennio (2007-2008-2009) che coincise con altrettante vittorie. Dopo il tris, è la volta della doppietta: 2012 contro Asti (4-2 ai calci di rigore), l’anno dopo è 7-3 contro il Marca Futsal.

Il palmarès del Pescara è meno ricco rispetto a quello della Luparense, ma negli ultimi anni si sta togliendo innumerevoli soddisfazioni Dopo il primo scudetto nel 2014-2015, il Pescara nella stagione successiva ha partecipato per la prima volta alla Supercoppa, vincendo contro l’Asti per 7-4. Seguiranno una Coppa Italia e un’altra vittoria in Supercoppa, nel 2016, contro il Rieti per 4-2 Due partecipazioni e due vittorie in Supercoppa.

LA KIOENE ARENA

La Kioene Arena di Padova, già teatro quest’anno dello splendido Main Round di Uefa Futsal Cup, sarà il palazzetto dove si disputerà la Supercoppa Italiana. Con i suoi 5.000 posti, la Kioene Arena è una delle strutture più importanti in Veneto e sarà il teatro perfetto per questa emozionante e prestigiosa sfida. Una visibilità importante per una partita che riproporrà la sfida scudetto dell’ultima stagione conclusa con la vittoria della Luparense. Il calore e il sostegno dei tifosi, così come l’attenzione dei media, di certo non mancheranno.

Commenta