Preview gara 3 finale scudetto, Marin: “Peccato per gara 2, a Pescara con entusiasmo”

La serie della finale scudetto si sposta al Pala Papa Giovanni Paolo II di Pescara. L’Acqua&Sapone, infatti, ha ottenuto il via libera per poter disputare le proprie due gare casalinghe nel mega impianto del capoluogo abruzzese, che si preannuncia esaurito. Gara 2 ha dimostrato quanto questa finalissima sia equilibrata: adesso il parziale dice 1-1 e ci si può aspettare di tutto.

Mister David Marin inquadra la trasferta di Pescara con qualche piccolo rimpianto per la seconda gara casalinga al PalaSind: “Andiamo in Abruzzo con entusiasmo perché questa squadra ha dimostrato di saper fare risultato in casa come in trasferta e quindi non dovremo minimamente snaturare quello che è il nostro gioco. Al momento siamo in parità, peccato per gara 2 in cui siamo stati avanti prima 3-0 e poi 5-2 ma ci siamo fatti riprendere nel finale, merito loro che con determinazione e anche un po’ di fortuna hanno trovato la parità. Poi ai rigori è sempre una lotteria, può andare in un verso come in un altro e questa volta l’hanno spuntata i nostri avversari. E’ la dimostrazione di quanto questo sport sia imprevedibile, non puoi mai abbassare la guardia perché, specialmente in gare ad alti livelli come queste, puoi venire punito in qualsiasi momento. Onestamente non pensavo che potesse essere una serie corta e che potesse finire quindi con un 3-0 e adesso andremo a giocare almeno altre due partite. Mi aspetto due gare dello stesso livello di quelle già giocate a Bassano, non penso cambierà niente sul lato tecnico e agonistico. ”

Il tecnico spagnolo chiude con le condizioni della sua squadra: “Essendo a fine stagione e dopo aver giocato così tante partite è normale che alcuni giocatori abbiano qualche acciacco. Al momento però non possiamo ancora dire niente perché dovremo aspettare il riscaldamento per capire qualcosa di più.”

 

Commenta