Gara 2 della finale è dell’Acqua&Sapone, i Lupi si arrendono ai rigori

Cocente sconfitta per la truppa di David Marin in gara 2 della finale scudetto. Al PalaSind di Bassano del Grappa la lotteria dei rigori premia la compagine abruzzese per un totale di 8-7 dopo il 6-6 fino alla fine dei supplementari. Adesso si andrà a giocare gara 3 e 4 al Pala Papa Giovanni Paolo II di Pescara dove si troverà un ambiente incandescente e carico a pallettoni dopo il punto ottenuto stasera dai nerazzurri che porta la serie sull’1-1.

E dire che la partita era cominciata come meglio non si poteva con un 3-0 dopo neanche 5′ di gioco che sembrava il preludio di una serata magica. La doppietta di Taborda (due grandi gol col destro, bellissimo il secondo al volo) e il gollonzo di Mello (colpito da un rinvio di Coco Wellingron con lob a battere il portiere) avevano fatto esplodere i numerosissimi spettatori del PalaSind (ancora 3500 unità) e l’atmosfera si era fatta davvero caldissima. E’ stato in quel momento però che Lukaian & co hanno tirato fuori l’orgoglio e sono rientrati prepotentemente in partita con i gol di Edgar Bertoni e di capitan Murilo a fissare il parziale sul 3-2. Lo stesso Murilo è stato poi costretto ad abbandonare il terreno di gioco per infortunio ma gli abruzzesi non hanno minimamente accusato il colpo e hanno continuato la loro rincorsa verso il pari.

Dopo un primo tempo chiuso sul minimo vantaggio per i campioni d’Italia in carica, la ripresa si è aperta con una doppietta fulminante di Rafinha che ha riportato a tre le marcature di vantaggio per i Lupi e ha rinvigorito un pubblico che si era un po’ spento sul finire della prima frazione. Sul 5-2, però, si materializzano di nuovo i fantasmi dei primi 20′ di gioco e l’A&S comincia a martellare incessantemente: prima è Jonas a trovare un gran gol per il 3-5, poi è la volta di Lima che batte Miarelli per il 4-5. A questo punto si aprono le praterie in contropiede per i Lupi ma le occasioni sprecate in questa fase sono veramente tante, su tutte un contropiede 3 vs 1 sprecato malamente da Mati Lara. Gol sbagliato, gol subìto e De Oliveira sigla il 5-5 con una grande girata e va ad esultare sotto lo spicchio dei tifosi abruzzesi; quando mancano 2′ al termine i Lupi hanno un sussulto d’orgoglio e trovano il nuovo vantaggio con Mello, bravissimo nell’occasione e battere Mammarella col destro su assist di Jesulito. Non è però ancora finita perché gli ospiti caricano a testa bassa e ritrovano l’equilibrio con la zampata vincente ancora di De Oliveira che decreta il 6-6 e manda le squadre ai supplementari. All’extratime la stanchezza prevale sullo spettacolo e si arriva così ai tiri dal dischetto: dopo l’iniziale miracolo di Miarelli su Lima e la rete di Borja Blanco, Mammarella fa il fenomeno su Taborda e Honorio mentre Coco e De Oliveira non sbagliano. Vince l’A&S, adesso si va a Pescara con la situazione in completo equilibrio.

TABELLINO:

LUPARENSE-ACQUA&SAPONE UNIGROSS (3-2 p.t; 6-6 dts) 7-8 dcr

LUPARENSE: Miarelli, Tobe, Honorio, Rafinha, Taborda, Borja Blanco, Duric, Lara, Pavanetto, Jesulito, Mello, Leofreddi. All. Marìn

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Lima, Murilo, De Oliveira, Bertoni, Bordignon, Calderolli, Lukaian, Bocao, Coco, Jonas, Mambella. All. Perez

ARBITRI: Raffaele Ziri (Barletta), Natale Mazzone (Imola), Federico Beggio (Padova) CRONO: Stefano De Matteis (Mestre)
AMMONITI: Jonas (A), Lukaian (A), Mello (L), Bertoni (A), Honorio (L), Rafinha (L)
MARCATORI: 2′ p.t. Taborda (L), 3’19” Taborda (L), 4’44” Mello (L), 13’23” Bertoni (A), 13’46” Murilo (A), 1’45” s.t. Rafinha (L), 2′ Rafinha (L), 4’26” Jonas (A), 7’02” Lima (A), 16’31” De Oliveira (A), 18’05” Mello (L), 18’58” De Oliveira (A)
Note: spettattori 3500 circa; sequenza rigori: Borja Blanco (L) gol, Lima (A&S) parato, Taborda (L) parato, Coco Wellington (A&S) gol, Honorio (L) parato, De Oliveira (A&S) gol

Commenta