Doppia operazione: Tobe, dove eravamo rimasti? Scambio di prestiti tra Betão e Jesulito

Doppia operazione di mercato “spagnola” per la Luparense: nella giornata di lunedì, la squadra di San Martino di Lupari ha ufficializzato l’acquisto di Roberto Tobe e formalizzato lo scambio di prestiti tra Betão e Jesulito del Real Rieti.

Quello di Tobe è un felice ritorno con la maglia rossoblu: il numero 4 (numero che ha confermato anche in questa seconda avventura), infatti, è stato tra i protagonisti della cavalcata della passata stagione conclusa con il sesto scudetto nella storia della Luparense. Dopo la parentesi valenciana con il Peñíscola, Tobe non ha resistito e ha deciso di riabbracciare un ambiente che lo fa sentire a casa. Per il 33enne, contratto di una stagione con opzione per la seconda. E’ iniziato il Tobe 2.0, ecco le sue parole:

«Finalmente posso dire di essere tornato, è stata dura, ma siamo riusciti a trovare l’accordo. Ho tanta voglia di ricominciare quest’avventura, sono pronto per mettere la mia grinta, il carattere, darò tutto me stesso in campo, come l’anno scorso, anzi di più. Spero di portare entusiamo ed energia in più soprattutto in questo momento delicato della stagione dove i ragazzi hanno speso tante energie fisiche e mentali. Sappiamo che è un campionato imprevedibile, Pescara, Acqua&Sapone, Napoli, Came Dosson sono tutte squadre forti, ma la stagione è lunga possiamo toglierci delle soddisfazioni. Fisicamente sto bene, devo tornare ad allenarmi e trovare il ritmo, se l’iter burocratico andrà bene potrò essere a disposizione di Marin già nel derby. La squadra è cambiata rispetto all’anno scorso, ma i giocatori sono di livello e anche lo staff: la filosofia non è cambiata e nemmeno la fame. Ricordo che quando sono arrivato l’anno scorso eravamo quarti…speriamo finisca la stagione alla stessa maniera della passata!» 

Da uno spagnolo ad un altro, la Luparense ha finalizzato lo scambio di prestiti con il Real Rieti, cedendo Betão agli amarantoceleste e accogliendo nella tana Jesus Solano Otero, Jesulito. Per l’esterno offensivo, classe 1989, questa è la sua prima annata in Italia dopo esser stato per molti anni nel Club Deportivo Xota. In questa prima parte di stagione, Jesulito ha messo a segno tre reti. Nei prossimi giorni ulteriori dettagli su numero di maglia e le prime parole del giocatore in rossoblu.
A Betão la società augura il meglio per il proseguio della stagione.

Commenta